Acne, come risolvere i problemi più gravi

Per risolvere i comuni problemi di acne, generalmente è sufficiente ricorrere a una serie di prodotti “standard”, come perossido di benzoile, retinolo e acido salicilico, in grado di aiutare a risolvere la maggior parte delle condizioni riconducibili, appunto, all’acne. Se tuttavia il ricorso a questi prodotti non ha risolto completamente l’acne, o se soffrite di acne cistica, allora è bene consultare il proprio dermatologo. È infatti possibile che lo specialista possa consigliarvi qualcosa in più dei semplici trattamenti topici. Qualche esempio?

Potrebbero essere utili degli antibiotici orali, utili per trattare e prevenire la crescita batterica da “dentro”, piuttosto che attraverso un’applicazione topica. Gli antibiotici orali spesso aiutano a pulire la pelle perché moderano i livelli ormonali che altrimenti potrebbero scatenare infiammazioni e infezioni.

Altro suggerimento potrebbe essere quello di usare lo spironolattone, un diuretico che ha un effetto anti-testosterone, particolarmente efficace nel trattamento dell’acne nei pazienti con disturbo ormonale. Oppure, si può optare per la isotretinoina: se si verificano cisti e noduli profondi e dolorosi, potrebbe essere necessario un trattamento più aggressivo a base di questo derivato orale della vitamina A (comunemente chiamato accutane) che restringe le ghiandole e limita la quantità di grasso che producono. Si tratta di un medicinale molto incisivo nella sua azione: dopo averlo preso per quattro o sei mesi, l’acne dovrebbe andare finalmente in remissione. Naturalmente, è bene parlarne approfonditamente con il proprio medico, perché come ogni medicinale, anche questo non dovrebbe essere assunto durante la gravidanza, o se si sta pianificando una gravidanza.

In ogni caso, se avete dei brufoli sulla vostra pelle, e siete indecisi se schiacciarli o meno, è bene rammentare che si dovrebbe toccare il meno possibile la superfici della propria cute! Ogni volta che si traumatizza la pelle, magari comprimendo brufoli, si aumenta in realtà il rischio di infezioni e cicatrici. Bene dunque ricorrere solamente a prodotti ad hoc per questo problema, evitando – nell’inconsapevolezza – di generare guai peggiori!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*