Cause e fattori di rischio della legionellosi

Il batterio Legionella pneumophila è il responsabile della maggior parte dei casi di legionellosi, o malattia dei legionari. Nell’ambiente, i batteri della legionella sopravvivono nel suolo e nell’acqua, ma raramente causano infezioni. Diverso è invece il discorso della loro azione “interna”, con i batteri della legionella che in questo caso possono moltiplicarsi in tutti i tipi di sistemi idrici – vasche idromassaggio, condizionatori d’aria e atomizzatori nei reparti di produzione dei prodotti alimentari.

Anche se è possibile contrarre la legionellosi dagli impianti idraulici di casa, la maggior parte dei focolai si sono verificati in grandi edifici, forse perché sistemi complessi permettono ai batteri di crescere e diffondersi più facilmente.

Detto ciò, giova cercare di capire come si diffonde l’infezione. La maggior parte delle persone si infetta quando inalano microscopiche gocce d’acqua contenenti batteri della legionella. Questo potrebbe essere lo spray di una doccia, di un rubinetto o di un idromassaggio, oppure l’acqua dispersa attraverso il sistema di ventilazione di un grande edificio. I focolai sono stati collegati ad una serie di fonti, tra cui vasche calde e vasche idromassaggio su navi da crociera, torri di raffreddamento negli impianti di climatizzazione, fontane decorative, piscine per il nuoto, attrezzature per fisioterapia, impianti idrici in alberghi, ospedali e case di cura.

Sebbene i batteri della legionella si diffondano principalmente attraverso gocce d’acqua aerosolizzata, l’infezione può essere trasmessa in altri modi, tra cui l’aspirazione: questo si verifica quando i liquidi entrano accidentalmente nei polmoni, di solito perché si tossisce o si soffoca mentre si beve. Se si aspira acqua contenente batteri della legionella, si può sviluppare la malattia dei legionari. Alcune persone hanno contratto il morbo del legionario dopo aver lavorato in giardino o aver usato terriccio contaminato.

Passando poi ai fattori di rischio, naturalmente non tutte le persone che sono esposte ai batteri della legionella si ammalano. Si hanno maggiori probabilità di sviluppare l’infezione se si fuma, considerato che il fumo danneggia i polmoni, rendendo il paziente più suscettibile a tutti i tipi di infezioni polmonari. Un altro fattore di rischio è se si ha un sistema immunitario indebolito a causa dell’HIV/AIDS o di alcuni farmaci, soprattutto corticosteroidi e farmaci assunti per prevenire il rigetto dell’organo dopo un trapianto. Ancora, sono maggiormente a rischio i pazienti che hanno una malattia polmonare cronica come l’enfisema o un’altra condizione grave come il diabete, malattie renali o cancro, e se si hanno almeno 50 anni di età.

Il morbo del legionario è un problema sporadico e locale negli ospedali e nelle case di cura, dove i germi possono diffondersi facilmente e le persone sono vulnerabili alle infezioni.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi