Cipolle rosse utile alleato contro le malattie al colon e al seno

Stando a quanto afferma una recente analisi condotta da un team di ricercatori dell’University of Guelph, in Canada, le cipolle rosse sarebbero un utile alleato contro le malattie al colon e al seno poichè in grado di uccidere le cellule cancerogene, grazie al loro potere antiossidante.

Più nel dettaglio, la morte programmata delle cellule tumorali gastriche potrebbe essere indotta anche dalla quercetina, un flavonoide presente nelle cipolle, e che insieme ad altri flavonoidi dall’azione antiossidante e antinfiammatoria, potrebbe contribuire – in sinergia con i composti solforati – a spiegare anche altre azioni attribuite alle stesse cipolle, come quella del controllo dei fattori i rischio per le malattie cardiovascolari.

Per arrivare a tali risultati la ricerca ha testato cinque diverse tipologie di cipolle, scoprendo che quella rossa era la più efficace contro il cancro. Il merito? È proprio dell’elevato contenuto della quercetina, una tipologia di flavonoide che ha potere antiossidante, e di antociani, che danno il colore rosso alla cipolla e rafforzano l’azione antitumorale della quercetina.

Uno dei ricercatori, Abdulmonem Murayyan, ha affermato che le cipolle sono “eccezionali” nell’uccidere le cellule tumorali, e che sono in grado di attivare percorsi in grado di incoraggiare le cellule tumorali ad andare incontro alla morte, promuovendo la formazione di un ambiente sfavorevole e disturbando la comunicazione tra le stesse (inibendone così la crescita).

Contemporaneamente, gli studiosi hanno anche rilevato come le cipolle sarebbero molto efficaci anche nel contrasto del tumore al seno. Il prossimo passo sembra dunque essere quello di sperimentare tali deduzioni direttamente sull’uomo e, inoltre, cercare di estrarre efficacemente la quercetina libera da sostanze chimiche, in maniera tale da poterla utilizzare sotto la forma di pillole per le terapie finalizzate agli obiettivi di cui sopra.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*