Comprare l’idropulitrice: come scegliere quella giusta

idropulitrice pulireNei negozi di bricolage è facile trovare un’ampia offerta di idropulitrici, per acquistare quella giusta per noi è importante valutare non solo i prezzi idropulitrici, ma anche l’utilizzo che ne vorremo fare.

Per cosa si utilizza l’idropulitrice

La gran parte delle persone che possiedono un’idropulitrice la utilizza prevalentemente per lavare la macchina, o anche la motocicletta o la bicicletta. In questo tipo di situazione forse non serviranno modelli di idropulitrice muniti di un enorme armamentario di accessori, però è sempre importante avere un’apparecchiatura potente, con una buona portata di acqua e con una certa pressione dell’acqua. In caso contrario non noteremo la differenza nei risultati della nostra pulizia rispetto all’uso di una comune lancia da giardino. Quando si sceglie l’idropulitrice quindi conviene evitare, in prima battuta, di controllare il prezzo, anche perché spesso i modelli venduti in sconto hanno delle pecche di base, come ad esempio una pressione che non supera i 100 bar o una bassissima portata di acqua.

Modelli versatili

Anche se la si compra per lavare la macchina, chiunque abbia un’idropulitrice ha cominciato sin da subito a sfruttarla per altri scopi. Ad esempio lavare la zona vicino al barbecue, o anche il barbecue stesso. L’idropulitrice è perfetta per rimuovere la muffa e lo sporco dai vialetti, dai parcheggi, dalle zone ad elevato calpestio. Ogni superfici lavabile e resistente all’acqua può essere pulita con l’idropulitrice, a patto di avere a disposizione diversi tipi di ugello; ce ne sono infatti di più adatti ai più diversi scopi, basta utilizzarli nel modo corretto. Si può così pulire il terrazzo, una vetrata esterna, il bordo della piscina o le scale esterne che portano in casa. Per meglio agire in ogni situazione è anche importante, oltre a montare un ugello apposito, anche sfruttare la modulazione della pressione dell’acqua in uscita.

Idropulitrici a caldo

La gran parte delle idropulitrici più diffuse sono le cosiddette “a freddo”, funzionano cioè con acqua totalmente fredda, alla temperatura da cui esce dal rubinetto del giardino. Per pulire più a fondo sono però disponibili anche modelli “a caldo”, dotati di una piccola caldaia che scalda l’acqua, anche fino a produrre vapore. Con questo strumento si pulisce anche lo sporco più incrostato, i residui di solventi, l’un’o e il grasso. Nella maggior parte dei casi questo utilizzo è esclusivamente di tipo professionale, infatti mentre in casa difficilmente servirà di scaldare l’acqua, nelle aziende meccaniche, o nelle autofficine, l’idropulitrice a vapore è un’apparecchiatura ideale e molto utile.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*