Coronavirus, per Trump prima o poi “se ne andrà da solo”

backup datiIl presidente Donald Trump ha detto che gli Stati Uniti supereranno la crisi del coronavirus con o senza un vaccino efficace, dicendo che la malattia “andrà via ad un certo punto” in ogni caso.

Pensiamo che avremo un vaccino nel prossimo futuro, e se lo avremo, faremo davvero un grande passo avanti”, ha detto Trump ad un evento della Casa Bianca che descrive gli sforzi degli Stati Uniti per sviluppare un vaccino.

E se non lo faremo, saremo come tanti altri casi in cui si è verificato un problema, ad un certo punto si risolverà, si risolverà“, ha detto Trump. “Potrebbe prendere fuoco e potrebbe non prendere fuoco, dovremo vedere cosa succede, ma se prende fuoco, spegneremo il fuoco e lo spegneremo in modo rapido ed efficiente”. Abbiamo imparato molto“.

Le osservazioni di Trump che sminuiscono la necessità di un vaccino sono arrivate durante l’annuncio al Giardino delle Rose, svelando gli sforzi della sua amministrazione per accelerare lo sviluppo e la distribuzione di un vaccino per Covid-19. Il nuovo progetto, denominato “Operazione Warp Speed“, mira ad avere centinaia di milioni di dosi di un vaccino efficace disponibili entro la fine dell’anno.

Trump ha annunciato formalmente che l’ex dirigente farmaceutico Moncef Slaoui e il generale a quattro stelle dell’esercito Gustave Perna contribuiranno a guidare il progetto Warp Speed. Slaoui e Perna hanno entrambi dichiarato all’evento di essere “fiduciosi” che l’operazione sarà in grado di raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi. Ma Perna ha riconosciuto che sarà un “compito erculeo” sviluppare e distribuire un vaccino in così breve tempo.

Non è chiaro se il virus scomparirà da solo. I funzionari della sanità mondiale e degli Stati Uniti hanno suggerito che il virus potrebbe essere stagionale e cedere in estate prima di riemergere nelle stagioni più fredde. La SARS, che è emersa in Cina nel 2002 e ha ucciso quasi 800 persone in tutto il mondo, è stata in grado di essere contenuta senza un vaccino.

Gli esperti sanitari, compresi i funzionari dell’amministrazione Trump, hanno però avvertito che il virus probabilmente persisterà per tutto l’autunno e potrebbe diventare ancora più difficile da combattere in inverno, quando la stagione dell’influenza riprenderà quota. Gli esperti e i leader politici affermano che gli Stati Uniti non saranno in grado di riprendersi dalla pandemia fino a quando il vaccino non sarà ampiamente disponibile.

Alcuni dubitano che un vaccino sarà pronto anche entro 18 mesi. Rick Bright, un esperto federale di vaccini ha detto che tutto dovrebbe andare “perfettamente” per ottenere risultati in quel periodo. “Non abbiamo mai visto andare tutto alla perfezione“, ha detto Bright giovedì in una testimonianza davanti ai membri di una sottocommissione per la salute della Camera. “Penso ancora che dai 12 ai 18 mesi sia un programma aggressivo, e penso che ci vorrà più tempo di così”.

Più di 100 vaccini sono in fase di sviluppo a livello globale, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Trump ha detto venerdì che 14 di questi candidati sono stati esaminati attentamente. Almeno otto vaccini sono attualmente in fase di sperimentazione sull’uomo.

I regolatori sanitari hanno accelerato le approvazioni per la ricerca e lo sviluppo del coronavirus, permettendo agli scienziati di saltare mesi di burocrazia sui potenziali vaccini per il virus.

La scorsa settimana, l’azienda biotecnologica Moderna ha annunciato che sta concludendo la fase uno degli esperimenti sull’uomo sul suo potenziale vaccino con il governo degli Stati Uniti e si sta muovendo per avviare la fase due che comprenderà 600 partecipanti. Se il vaccino sarà ritenuto efficace e sicuro da usare, potrebbe essere pronto per il mercato all’inizio del 2021, ha detto l’azienda.

Il Dr. Anthony Fauci, il principale esperto di malattie infettive della nazione, ha detto nella testimonianza di martedì al Congresso che gli scienziati ottimisti avrebbero trovato un candidato praticabile, ma ha messo in guardia da potenziali insidie nello sviluppo di qualsiasi vaccino.

Gli scienziati avvertono che stanno ancora imparando a conoscere il virus mortale, compreso il modo in cui il sistema immunitario del corpo risponde una volta che una persona è stata esposta ad esso. Le risposte possono avere grandi implicazioni per lo sviluppo del vaccino, compreso il periodo di tempo in cui un vaccino può essere distribuito al pubblico.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi