Dormire troppo fa male

Dormire troppo poco fa male, ma anche dormire troppo non è salutare. Se infatti è vero che dormire poco alimenta depressione, aumento di peso e ipertensione, anche esagerare con le ore di sonno può essere particolarmente nocivo, e può determinare nuovi problemi per la salute. Una recente ricerca condotta dalla scuola di medicina di Boston, le cui valutazioni sono state pubblicate sull’ultimo numero di Neurology, e basata su uno studio di revisione dei dati di 2.400 persone reclutate in una precedente ricerca (Framingham Heart Study, Fhs), afferma infatti che nei soggetti adulti che dormono più di 9 ore, sono praticamente doppi i rischi di sviluppare una malattia neurodegenerativa in 10 anni.

Ad ogni modo, attenzione a non confondere i presupposti. Lo studio non parla infatti di una piacevole abitudine o di una scelta, bensì di una vera e propria necessità fisiologica, che può essere “spia” di un rischio, come peraltro indicano con precisione i risultati dello studio che abbiamo sopra accennato.

Più nel dettaglio, l’analisi sembra suggerire che sebbene una buona nottata di sonno sia un vero e proprio toccasana per la propria salute, superare le 9 ore è particolarmente nocivo, soprattutto per chi non ha un livello di studi elevato. Dai dati esaminati emerge altresì che il volume del cerebrale di chi dorme molto è minore rispetto a quello delle persone che riposano normalmente o, comunque, non più di 8-9 ore. Ed è proprio il volume ridotto ad essere a sua volta associato al pericolo di sviluppare problemi cognitivi: dormire molto è dunque un possibile sintomo della demenza “in arrivo”, e non certo una causa. Proprio per questo motivo, concludono i ricercatori statunitensi, la durata del sonno può essere un ottimo indicatore clinico che può permettere ai medici di individuare alcune patologie in arrivo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*