Fare la lavatrice: ecco i consigli pratici

bucato

Un elettrodomestico utile e di uso comune, ma malgrado ciò per molti è una mappa del tesoro… diciamo per chi non è abituato ad usarla e si ritrova a doverci fare i conti all’improvviso.
Giovani in cerca di autonomia, single da pocoo, mariti soli e disperati o mogli e mamme alle prime armi!


Un consiglio di base: fate lavaggi in serata, dopo le 19 o durante i weekend quando le tariffe energetiche sono più inferiori. Fate in modo di raggiungere il pieno carico – circa 5 chili, senza però ammassare i vestiti, per non danneggiare il lavaggio.

Se non riempite la lavatrice, utilizzate l’opzione del mezzo carico.


Quale modello di lavatrice?

La maggior parte delle lavatrici hanno uno sportello per il carico frontale, quindi un oblò nella parte anteriore della macchina, all’interno del quale andranno inseriti gli indumenti. Vi sono però anche lavatrice con carica dall’alto, hanno una larghezza inferiore e salva-spazio. E in questi casi gli abiti e tutto il resto vanno caricati attraverso lo sportello superiore.

Sulla parte frontale si trova il cassettino per versare i detersivi – composto di tre vaschette: in quella più grande dovete versare il detersivo, mentre nella più piccola versate l’ammorbidente. La vaschetta centrale serve, invece, per il prelavaggio.

In commercio esistono poi detersivi liquidi con ammorbidente dentro.

Continuiamo… vedete due manopole, una serve a regolare la temperatura e l’altra serve per scegliere il programma. Un pulsante serve invece per ridurre i giri della centrifuga.

Leggete le etichette degli indumenti


Prima di utilizzare la lavatrice è molto importante leggere le etichette degli abiti dove sono scritte le istruzioni per effettuare il lavaggio e l’asciugatura.

La vaschetta con la mano: significa che l’indumento va lavato a mano e non in lavatrice.
Se notate una croce, invece, significa che il capo deve essere lavato a secco (portatelo in lavanderia).

I numeri indicano i gradi di temperatura da impostare per il programma di lavaggio.

Le regole per lavare gli indumenti

 

Prima di introdurre gli abiti in lavatrice, controllateli accuratamente uno ad uno, accertandovi che non vi siano monete, bigliettini di carta, fazzoletti. Poi chiudete tutte le cerniere.

Separate i capi bianchi da quelli colorati. Bianchi e colorati non vanno messi insieme. Cosa si intende per capi bianchi? Non soltanto quelli realmente di colore bianco, ma anche quelli di colore grigio chiaro o beige, quindi molto chiari.


I capi
colorati sono i tessuti che rischiano di perdere il colore durante il lavaggio. Attenzione ad esempio ai jeans, che vanno lavati al rovescio.

I capi misti, come magliette a righe bianche e colorate, vanno trattati come quelli colorati.

Se avete dubbi, utilizzate l’acchiappacolore.


Ed infine un
nota-bene per i capi “particolari” ad esempio quelli con etichette per asilo nido, tipiche per non confondere i capi d’abbigliamento dei propri bambini con quelli degli altri.

Le etichette adesive a colori sono applicate su grembiuli e altro vestiario, come anche le tute da ginnastica, e sono resistenti ai lavaggi. Applicatele semplicemente sull’etichetta del lavaggio del capo di abbigliamento.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi