Il modello Pancafit, sempre più amato da chi soffre di mal di schiena

PANCAFITChi soffre di mal di schiena ricerca in ogni modo di guarire, cercando di fare degli esercizi di ginnastica o di fisioterapia che possano rafforzare i muscoli e porre fine al dolore, sciogliendo le tensioni e correggendo gli eventuali errori di postura. Un metodo molto amato dagli italiani, in quanto semplice e sicuro, è il Pancafit. Tutto nasce un bel po’ di tempo fa, quando il dottor Raggi, docente laureato in Fisioterapia e in Scienze Motorie, ebbe un tremendo incidente che lo rese invalido e impossibilitato a portare avanti la vita attiva di prima a causa di intensi dolori alla schiena e di una lussazione sacroiliaca molto grave. Nessun trattamento sembrava dargli beneficio, quindi decise di ingegnarsi e di costruire nella sua abitazione una panca molto speciale, inclinata con un angolo di 110°, quindi vicina ad una forma a V. Impiegando questa panca il medico iniziò ad eseguire degli esercizi, basandosi sulle sue conoscenze, che in tempi relativamente brevi lo aiutarono a guarire e ad avvertire molto meno dolore alla schiena. Si trattava della prima Pancafit, rudimentale ma efficace, ovvero un modello che da lì a poco sarebbe stato esportato in tutto il mondo.

Più che la panca in sé, ciò che conta nel Pancafit è il modello, ovvero gli esercizi da fare che per le prime volte devono essere spiegati ed eseguiti da un operatore specializzato. La panca può essere regolata in base alle proprie esigenze, quindi l’angolo può variare in base al grado di angolazione che serve per apportare beneficio alla postura e a correggere gli eventuali disallineamenti. Con Pancafit non si va a lavorare nell’area muscolare dove si avverte dolore, ma nella zona chiamata ipocinetica, ovvero dove il dolore non è avvertito. Il metodo agisce infatti sulle tensioni e sulle catene muscolari per eliminare i compensi che il corpo mette naturalmente in atto per non avvertire il dolore. In questo modo tutto risulta bilanciato, il dolore globale diminuisce e la guarigione segue un vero e proprio ‘filo logico’. Il Pancafit associa inoltre degli appositi esercizi di respirazione, che permettono di rasserenare l’organismo, ma soprattutto di migliorare l’ossigenazione della muscolatura, aspetto fondamentale per irrobustire i muscoli e per rendere la guarigione più veloce. Semplice stretching? No, il Pancafit è molto di più e sta diventando un metodo sempre più impiegato per guarire dai traumi e dal mal di schiena in modo naturale e privo di farmaci.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*