La lettiera del gatto: come sceglierla, come gestirla

catgenieChi ha un gatto in casa sa che gestire e scegliere la lettiera non è una problematica di tipo secondario. Ogni gatto infatti usa la lettiera quotidianamente, anche quelli che hanno la possibilità di accedere ad un giardino. Fare i propri bisogni sempre nello stesso luogo, nella sabbietta contenuta nella lettiera, è infatti per il gatto un punto fermo, che gli permette di vivere più sereno e tranquillo. In commercio sono disponibili lettiere di vario genere, la scelta di quella migliore dipende da una serie di fattori.

Lettiere aperte

Le lettiere per gatto più tradizionali sono quelle di tipo aperto; si tratta di semplici vaschette piatte, di forma rettangolare, che vanno mantenute piene, per almeno 3 cm, di sabbietta assorbente. Le dimensioni disponibili in commercio sono varie, la migliore dipende dalla taglia del gatto, visto che ci sono esemplari che a mala pena superano i 3 kg di peso, mentre alcuni gatti sono enormi, con un peso superiore ai 6-7 kg. La lettiera aperta ha dei vantaggi, correlati al fatto che anche i gatti più timorosi o i gattini riescono ad utilizzarla in modo corretto. Certo è che mentre il gatto fa i suoi bisogni, o anche nel periodo immediatamente successivo, buona parte degli odori prodotti dagli escrementi si spanderà all’intorno. Non importa quale sia la sabbietta che si utilizza, una lettiera aperta è ideale se si ha uno spazio all’aperto dove posizionarle. Se invece si è costretti a tenere questo tipo di lettiera in casa, la situazione cambia enormemente. Se si opta per una lettiera aperta è consigliabile almeno sceglierne una con il bordo rialzato e ripiegato verso l’interno, che impedisce al gatto di far uscire la sabbietta e consente di fermare un sacchetto per una più rapida pulizia.

Lettiere chiuse

I prodotti migliori in commercio oggi disponibili sono le lettiere chiuse. Si tratta di vaschette simili a quelle aperte, munite però di coperchio e di porta. All’interno si pone la sabbietta e un apposito filtro pulisce l’aria in uscita. Gli odori rimangono all’interno di uno spazio circoscritto e molti gatti tendono a preferire questi modelli di lettiera, ideale anche per chi conserva la vaschetta in casa. Ce ne sono di vari modelli in commercio, in ogni caso è bene ricordarsi di effettuare una regolare manutenzione della sabbia all’interno, rimuovendo gli escrementi.

Lettiere robotizzate

La novità degli ultimi tempi sono le lettiere robotizzate Catgenie. Si tratta di vaschette tondeggianti in grado di auto pulirsi ogni volta che il gatto le utilizza. La lettiera Catgenie contiene al suo interno dei sensori che avvertono quando il gatto vi entra e attivano, subito dopo, il sistema di pulizia autonomo. Mai più cattivi odori in casa con una lettiera automatica per gatto. Ne esistono due versioni, una totalmente aperta, una invece munita di coperchio. Dopo ogni utilizzo la lettiera non solo rimuove gli escrementi, ma esegue un lavaggio a fondo della sabbia con uno speciale disinfettante, in modo che rimanga perfetta per un nuovo utilizzo. Per installare questo tipo di lettiera automatica è necessario avere a disposizione una presa d’acqua, uno scarico di acque nere e una presa di corrente.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*