La tornitura dei pezzi in metallo

tornituraBuona parte delle piccole aziende che si occupano di produrre pezzi meccanici in metallo, tramite pressofusione o altra tecnica, forniscono oggetti che presentano una serie di difetti. Questi pezzi sono chiamati semilavorati, e per poterli utilizzare è necessario svolgere una serie di lavorazioni, tra le quali una delle principali è la tornitura. Alcune aziende italiane, come ad esempio quella di Bosaia Luigi e Figli, si occupano proprio di questo tipo di lavorazioni, che partono da dei semilavorati per renderli adatti all’utilizzo a livello industriale.

Cos’è la tornitura

si dice tornitura la lavorazione effettuata con il tornio; questo utensile si usa sia per il marmo, sia per il legno, ma il suo utilizzo è ampio anche in ambito metalmeccanico. Si tratta di un utensile tagliente, che permette di togliere delle parti di metallo da un semilavorato, in modo da creare la forma che si desidera. In buona parte dei casi il semilavorato ha forma cilindrica e il tornio ne modifica le estremità, fino a dargli una forma specifica. Volendo però con il tornio è possibile anche creare delle svasature su un semilavorato piano, dei fori non passanti, o anche delle perforazioni di forma varia.

I vantaggi del tornio

Le lavorazioni al tornio permettono una grande precisione. Il pezzo semilavorato viene fatto ruotare, mentre l’utensile tagliente si muove in modo lineare, in modo da rimuovere il materiale in eccesso sotto forma di trucioli. Tale lavorazione permette, in molti casi, di finire totalmente un pezzo, che al termine della tornitura non necessita di ulteriori rettifiche o alesature. Per questo motivo la tornitura risulta particolarmente partica, anche a partire da semilavorati che non sono altro che barre di materiale ferroso.

La tolleranza

Chi non ha dimestichezza con le apparecchiature meccaniche non conosce il significato specifico di questo termine in questo ambito. Se però ci si scontra con un oggetto i cui pezzi non si attengono alle corrette tolleranze, si comprende subito dove sia il problema. Si intende con tolleranza il limite accettabile entro cui un oggetto può modificare le sue dimensioni. Quando si lavorano i metalli tale concetto è particolarmente importante, in quanto durante la produzione dei pezzi il metallo subisce delle modificazioni fisiche, che possono essere anche importanti. Dopo la produzione tramite pressofusione di un pezzo è necessario verificarne le dimensioni, in diversi punti specifici, o si rischia di non poterlo assemblare alle altre parti con cui si può comporre un motore, un meccanismo o anche semplicemente un contenitore.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*