Nuovo ministro delle finanze per la Germania

La Germania ha un nuovo ministro delle finanze. O, meglio, lo avrà a breve: sarà infatti Peter Altmeier, attuale capo di gabinetto del cancelliere Angela Merkel, a sostituire pro-tempore Wolfgang Schäuble in qualità di numero 1 delle Finanze tedesche nel momento in cui quest’ultimo verrà nominato presidente del Parlamento e fino alla formazione del nuovo Governo.

La scelta di Altmaier non giunge sorprendente o casuale. L’uomo è dato come molto vicino al cancelliere, è già stato ministro degli Interni e poi responsabile della questione dei rifugiati, e rappresenta pertanto il candidato ideale per poter dare la giusta continuità da parte dell’esecutivo Merkel, e la volontà contemporanea di confermare una persona piuttosto nota e influente in un ministero giudicato molto importante.

Naturalmente, gli analisti tedeschi rammentano come la designazione di Altmaier non vada assolutamente a pregiudicare la scelta per il nuovo esecutivo, quando con ogni probabilità il ministero dovrebbe andare ai liberali della Fdp, ovvero uno dei due nuovi alleati della Cdu/Csu insieme ai Verdi.

Per quanto concerne il prossimo ex ministro Schäuble, costui dovrebbe essere eletto presidente dal nuovo Bundestag, che dovrà riunirsi entro il 24 ottobre. Non è comunque escluso che Altmaier si venga a trovare nella necessità di gestire il ministero per più tempo rispetto a quanto superficialmente si possa pensare, visto e considerato che la formazione del governo potrebbe occupare parecchio tempo.

In particolare, la trattativa per la formazione del nuovo esecutivo sembra essere resa complessa dal fatto che i nuovi alleati si diversi temi hanno visioni quasi opposte. Dunque, difficilmente le trattative verranno sciolte prima di Natale, ma molti sono gli elementi di aleatorietà che in questo momento impediscono agli osservatori di potersi sbilanciare sull’effettiva durata di questa delicata fase di negoziazione, che dovrebbe portare alla formazione del quarto governo Merkel, pur con uno schieramento di supporto diverso dai precedenti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*