Punti neri: come evitarli

visoI punti neri sono antiestetici puntini, causati dalla presenza di sebo ossidato all’interno dei pori della pelle. Tipicamente si sviluppano nella cosiddetta zona T: fronte, naso e mento. Qui la pelle presenta un maggior numero di ghiandole sebacee, che servono per proteggerla dal sole e dagli agenti esterni. Mostrare qualche punto nero ogni tanto è del tutto normale, alcune persone però ne hanno tanti e a volte in zone localizzate del viso. Non si tratta solo di questioni correlate alla pulizia e anche dopo vari trattamenti tendono a ripresentarsi.

Fattori scatenanti

Per sapere perché vengono i punti neri si deve prima capire cosa sia il sebo. Si tratta di un olio prodotto dalla nostra pelle, volto a proteggerla dai danni che possono essere causati dal vento, dalla luce solare diretta, dal freddo. Tutta la nostra pelle è totalmente ricoperta di sebo, che viene periodicamente rimosso dai lavaggi, per poi essere nuovamente prodotto dalle ghiandole sebacee che si trovano nel derma. Quando questo sebo viene prodotto in modo eccessivo, allora si accumula nei pori e nei follicoli piliferi, portando alla formazione del classico punto nero. Questo problema si manifesta soprattutto negli adolescenti, in quanto è correlato fortemente all’azione ormonale, soprattutto del testosterone. I punti neri però si possono formare a tutte le età, a causa di squilibri ormonali di altro genere, ereditarietà, presenza di varie forme di acne, stress eccessivo, mancanza di sonno, alimentzione scorretta. Anche una scarsa pulizia della cute o l’utilizzo di prodotti non idonei può stimolare la produzione di sebom e, cosneguentemente, la formazione di punti neri.

Come eliminarli

Chi soffre per la presenza regolare di punti neri dovrebbe cominciare con il modificare la sua routine di pulizia del viso. Come prima cosa è importante valutare il tipo di pelle, perché usare prodotti eccessivamente ricchi di oli, o anche eccessivamente aggressivi, porta al medesimo risultato. Creme e detergenti molto ricchi apportano un’eccessiva quantità di oli alla cute; prodotti troppo aggressivi irritano la pelle, che come risposta produce sempre più sebo. Conviene quindi farsi consigliare da un dermatologo, o anche da un bravo farmacista, in modo da utilizzare i prodotti giusti, ogni giorno mattina e sera. Effettuare una pulizia del viso, almeno ogni due mesi, può essere un buon metodo per limitare la presenza di punti neri, conviene però recarsi presso un centro dove operi del personale specializzato. Oltre a questo fa sicuramente bene bere molta acqua ed evitare comportamenti scorretti, come ad esempio fumare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*