Come recuperare un rapporto di coppia?

coppia abbraccioUn rapporto di coppia è un po’ come un corpo che va allenato altrimenti si riempie di tossine e grasso e si deforma fino a perdere la sua tonicità. L’esempio sembra banale ma in realtà funziona, se pensiamo a quante volte trascuriamo il partner e noi stessi per piombare nella noia e nella quotidianità.

Le cause di un annichilimento personale sono poi quelle stesse cause che portano alla depressione di coppia, non si è felici in due se prima non si un po’ felici da soli. Questo assunto poggia su una verità che non va dichiarata e ripetuta come un pappagallo, ma va sentita, solo dopo averla esperita nelle sue verità più intrinseche.

Alla domanda ‘come recuperare un rapporto di coppia’ vi sono diverse risposte che possiamo dare: non ne esiste solo una ed univoca. Se si sta vivendo una crisi profonda, vuol dire che dobbiamo agire e fare qualcosa oppure, dopo attenta valutazione, che dobbiamo lasciar andare quel rapporto, se non c’è più nulla da salvare.

La ‘crisi’, per quanto difficile come momento, porta sempre dei cambiamenti. Considerarla solo alla luce delle turbolenze che comporta, non è sano e non produce nulla di buono.

Perfino una crisi non risanabile può in realtà nascondere delle risorse per chi la subisce, perché alla fine una separazione, laddove non c’è verso di poter migliorare una condizione di coppia, è preferibile alla lenta agonia di un rapporto che non ha più “vite”.

Se la crisi non una causa evidente, ma sopraggiunge per stanchezza o per problemi legati a fattori contingenti che hanno appesantito la vita in due, si può ricorrere a delle soluzioni che possono prevedere una terapia di coppia, per mettere in evidenza quegli elementi che vanno affrontati, oppure un percorso separato, dove ognuno dei due affronta singolarmente le proprie problematiche.

Di sicuro, vi sono alcuni atteggiamenti che è bene evitare, come quello di sentirsi colpevoli, assumendo un portamento da depressi cronici che anche in casa non potrà che peggiorare la situazione.


Cercare di condividere a tutti i costi è anche un altro madornale errore, perché se è vero che si è in crisi, sarà pure vero che non si ha voglia di stare insieme in tutti i momenti, come un tempo quando invece vivere appiccicati era fonte di energia. Quindi, riconoscere di aver bisogno del proprio spazio mentale e fisico non è deplorevole, ma anzi può rivelarsi utile per tornare più carichi al partner.

Certo, non si deve uscire di casa e rientrare il giorno dopo, perché questo sarebbe un tentativo riuscito bene di chiudere definitivamente un rapporto, ma si può semplicemente parlarne in due, anche perché la crisi si combatte con il dialogo, con la pazienza e il coraggio.

Non fate figli per rimediare, per carità! La vita non migliora grazie all’arrivo di un figlio, anzi può solo peggiorare la crisi che era già in atto, perché se la noia aveva preso il sopravvento, portandosi dietro incomunicabilità, momenti morti, depressione e pesantezza, un figlio non ha il compito di riportare in vita due zombie nell’anima.

Insomma, lasciamo perdere le soluzioni delle ricette fatte in casa con gli ingredienti di “nonna pina” e adottiamo uno stile intelligente e consapevole, fondato sull’analisi e sul ragionamento, perché almeno questo è vero, quando siamo in crisi, l’amore non acceca e la passione è meno forte, così non abbiamo più attenuanti per non far lavorare il cervello.

Se poi, i dubbi sono altri o se la crisi riguarda solo uno dei due partner… allora, reset di tutto quell che avete letto finora, e andiamo alla ricerca del motivo vero per il quale la crisi sembra essersi presa possesso del nostro partner.

Se dubiti possa esserci di mezzo un’altra persona, lascia stare atteggiamenti smodati, urla e grida, schiamazzi e lamentele, purtroppo fa parte della vita, capita a tutti, quello che puoi fare per toglierti ogni dubbio dalla mente e, ancor più importante, per tutelarti è accertarti che lui/lei stia veramente tradendo la tua fiducia. Un servizio di investigazioni sulle infedeltà coniugali è la risposta alla tua ricerca.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*