Vuoi lavorare nella moda? Ecco le professioni

modellaQuali sono le professioni della moda? Sulle passerelle sfilano modelle longilinee, ma oltre alle gambe c’è di più! Dietro la macchina delle sfilate vi sono una molteplicità di mestieri che concorrono al successo dell’evento. Quali sono le professioni del grande show della moda? E come ci si arriva?

Parrucchieri e make up artists: tanti di questi professionisti lavorano alla preparazione delle modelle, uno per ognuna di loro. I grandi stilisti chiedono la professionalità dei grandi coiffeur, e a dar loro una mano nel backstage delle sfilate vi sono anche dei giovani stagisti.

Milano è la patria della moda dove arrivano molti aspiranti collaboratori, specializzati con dei corsi. Non è semplice riuscire nel settore, è indispensabile crearsi una buona rete di contatti.


Il lavoro inizia più o meno tre o quattro ore prima che dell’ingresso delle modelle in passerella, e prosegue fino alla fine della sfilata. I guadagni sono alti, si aggirano attorno ai 150 euro al giorno, ma dipende dagli stilisti. Per lo stagista potrebbe anche non esserci alcun guadagno. Il vantaggio è quello di poter acquisire una buona esperienza e dei contatti utili nel settore.

Le vestiariste: come si sa, tra un’uscita e l’altra sulla passerella, le modelle si spogliano e rivestono continuamente, nel giro di pochi secondi. Il tempo deve essere calcolato e scandito senza margine di errore. Chi lavora affinché tutto rispetti le fasi della sfilata è la vestiarista, che assiste le modelle ad ogni cambio d’abito.

Le vestiariste sono reclutate dalle agenzie e ricevono compensi medi per ogni sfilata; devono seguire tutto nel minimo dettaglio, dalle fotografie ai disegni del fitting, e devono stare attaccate alle grucce vicino agli abiti, con il nome della modella che dovrà indossarli.


Stylist e personale degli uffici prodotti: a decidere chi indossa cosa, l’ordine di uscita in passerella e in che modo vanno portati gli accessori sono gli stylist ed il personale specializzato della casa di moda. Il percorso per entrare in questo campo può essere un normale iter accademico, e poi una specializzazione in qualche branca della moda.

Il fotografo si occupa di fotografare i pre-fitting, cioè i look che sfileranno. Guardando le foto lo stilista e lo stylist decide poi gli abiti da far sfilare in passerella.

Gli scatti servono come punto di riferimento anche durante la sfilata, proprio alle vestiariste che devono guardare per sapere come abbigliare la modella. Un’altra copia delle stesse immagini compone “la bibbia”, un libro contenente tutti i fitting, usato per replicare la sfilata in tempi e luoghi diversi.

Ogni capo d’abbigliamento ha un codice identificativo che serve per trovarlo, ogni fitting è numerato e contrassegnato dal nome della modella e da altri dettagli. Chi svolge questa professione deve avere una conoscenza tecnica dei tessuti e di come vengono confezionati.

E poi sempre nell’ambito della moda da qualche anno si è affacciata la figura professionale del consulente per lo shopping personale, sempre più richiesta da chi cerca il “dottor Immagine” per rifarsi il look!

3 commenti

  1. Buongiornoooo volevo chiedere come si poteva lavorare nel mondo della moda come parrucchiere…

  2. Buongiorno,vorrei avere esperienze lavorative nella moda a dire la verità,la moda mi e sempre piaciuta sin da piccola a dire il vero volevo diventare come la top model Claudia ,ma non ho mai avuto il coraggio di buttarmi vorrei sfilare in passerella famosa,foto cataloghi riviste, sono alta 1’70 senza tacchi,peso 50, ma mia taglia e 42-44 massimo capelli lunghi mori occhi verdi ,non ho mai fumato,a volte bevo ma bevo a tavola mi piace la buona cucina e i vini buoni ,penso di mangiare bene sano l’unica cosa e che ho 40 anni posso ancora valere o sono da scartare ,grazie,aspetto risposta.

    • Salve volevo sapere se si può lavorare nell’ambito della moda avendo 40 anni ho siamo da buttare via ,io non credo! Stupitemi!,grazie.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*