Omicron meno grave, ma è presto per abbassare la guardia

3 dental-staffGli esperti di malattie infettive hanno avvertito che è troppo presto per smettere di prendere provvedimenti per evitare l’infezione da Covid-19, nonostante i funzionari sanitari sostengano che è inevitabile che la maggior parte delle persone prenda la variante omicron, apparentemente più mite.

Molti paesi ora hanno poche o nessuna restrizione legata al Covid, dato che il numero di casi in aumento viene soppesato rispetto ai tassi di vaccinazione. I leader di alcuni paesi europei hanno chiesto che la crisi del coronavirus inizi il suo passaggio da pandemico a endemico, e sia trattato come l’influenza stagionale.

Nel Regno Unito, dove i nuovi casi stanno cominciando a diminuire dai livelli record dopo l’impennata di dicembre, il governo starebbe elaborando piani per eliminare completamente le sue leggi di emergenza Covid, compresi i requisiti di auto-isolamento. I dati ufficiali pubblicati lunedì hanno mostrato che circa il 98% della popolazione del Regno Unito ha ora una protezione anticorpale contro il virus, attraverso la vaccinazione o l’infezione. Poco più dell’80% della popolazione del paese ha ricevuto due dosi di vaccino Covid.

C’è un consenso tra molti sul fatto che la variante omicron, altamente trasmissibile, è così infettiva che alla fine tutti contrarranno il Covid. Il Dr. Anthony Fauci, consigliere medico capo della Casa Bianca, ha predetto che il ceppo “troverà praticamente tutti“, ha riferito la scorsa settimana la CNN. Tuttavia, molti scienziati stanno ancora esortando il pubblico a fare il possibile per evitare l’infezione.

Il professor Liam Smeeth, un medico e direttore della London School of Hygiene and Tropical Medicine, ha detto alla CNBC che mentre omicron sembra intrinsecamente più mite, la conoscenza scientifica non è ancora “completa come vorremmo” su come la variante fortemente mutata avrà un impatto sugli individui vulnerabili.

“Se i vulnerabili diventano abbastanza malati con omicron – e alcuni di loro lo diventeranno – se succede tutto in una volta, se lo lasciamo semplicemente strappare attraverso la società, allora qualsiasi sistema sanitario nel mondo verrebbe sopraffatto“, ha affermato, aggiungendo che “questo è un pensiero molto, molto cupo – così cupo da essere abbastanza terrificante. È chiaro che la maggior parte delle persone non si ammala molto con l’omicron, ma non abbiamo prove chiare che questo sia vero per tutti”.

Smeeth ha aggiunto che la maggiore trasmissibilità di omicron significa che pone ancora grandi rischi, nonostante sembri causare sintomi più lievi. “Poiché è così infettivo, potrebbe letteralmente essere milioni di persone molto malate allo stesso tempo, cosa che nessun sistema sanitario potrebbe affrontare”, ha spiegato. “C’è anche il fatto che le persone saranno assenti per malattia – non causa malattie gravi, ma ne causa abbastanza che la gente ha bisogno di stare a casa [per recuperare]. E se questo accade in tutta la società tutto in una volta, anche nello spazio di poche settimane, questo significa che la polizia farà fatica, i supermercati non apriranno, il sistema sanitario non funzionerà – ci sarebbe un grande sconvolgimento sociale in corso. Quindi, anche se è ragionevolmente lieve, ci sono ragioni per volere che avvenga più gradualmente“, ha detto.

I funzionari della sanità pubblica hanno anche messo in guardia sul rischio di una “lunga Covid. L’OMS ha precedentemente stimato che tra il 10% e il 20% dei pazienti di Covid sperimentano sintomi persistenti per mesi dopo l’infezione. Questi sintomi prolungati possono includere stanchezza persistente, dispnea, nebbia cerebrale e depressione. Nel Regno Unito, dove i tempi di isolamento di Covid sono stati ridotti a cinque giorni lunedì, Smeeth ha detto di credere che il governo stava attuando un “abbastanza ragionevole, graduale passo indietro”.

Nel frattempo, Philip Anyanwu, docente di salute pubblica presso la scuola di medicina dell’Università di Cardiff, ha notato una percezione che la variante omicron sta facendo Covid meno di una minaccia stava diventando più comune tra la popolazione generale.

“Indipendentemente da questo [causando sintomi più lievi], penso che abbiamo ancora bisogno di mantenere quelle misure che ci hanno aiutato a ottenere attraverso, soprattutto indossando maschere facciali, distanziamento sociale e frequentemente lavare le mani”, ha dichiarato, sostenendo poi che era troppo presto per il pubblico per smettere di cercare di ridurre i rischi legati al Covid, in particolare in inverno – il “periodo più cruciale in termini di carico di malattie infettive”.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi