Pareti divisorie per ufficio: quali si trovano in commercio

40XPer suddividere gli spazi all’interno di un ampio ambiente è possibile utilizzare delle pareti divisorie. Oggi l’offerta disponibile in commercio è molto ampia e permette di trovare soluzioni per qualsiasi situazione, anche con disponibilità di strutture portanti. La suddivisione avviene così non solo in modo ideale, ma anche in tempi strettissimi. Volendo è possibile installare una parete divisoria anche mentre l’ufficio o l’ambiente è abitato, senza dover spostare mobili e accessori.

Tipologie di pareti divisorie: il vetro

Tra le pareti divisorie più apprezzate oggi sono particolarmente diffuse quelle in vetro, completamente trasparenti o anche opaline o satinate. Contrariamente a quanto si pensa si possono acquistare strutture in vetro completamente fono assorbenti, che garantiscono quindi la massima privacy a chi vive all’interno di un ambiente trasparente alla luce, ma non attraversabili dai suoni. Questo oltre a garantire la privacy migliora il comfort in grandi ambienti; le pareti divisorie ufficio in vetro infatti permettono di non interrompere lo spazio con strutture cieche, favorendo la diffusione della luminosità. L’assenza di passaggio per i suoni invece garantisce il massimo silenzio, evitando che più operatori in stanze vicine interferiscano l’uno con l’altro. Per offrire una possibilità di scelta anche stilistica oggi si possono trovare pareti in vetro continue, da collocare le une vicine alle altre, ottenendo così la massima leggerezza. Oppure si possono intervallare i pannelli in vetro con profilature, in metallo o in legno.

Altri materiali

Quando le pareti possono essere cieche i materiali da utilizzare sono anche altri, oltre al vetro satinato o opalino. Le pareti divisorie da ufficio oggi sono disponibili in commercio anche in materiale plastico, in legno o in metallo. Volendo è possibile installarne di munite di intercapedine interno, dove nascondere impianti, cavi elettrici e installazioni di vario genere. Per altro la mobilità dei singoli pannelli di copertura consente di accedere all’impiantistica rapidamente, senza alcun tipo di opera di muratura. Allo stesso tempo questa soluzione è molto versatile e si può installare sia a tutta altezza, sia a mezza altezza, per suddividere ad esempio uffici open space.

Pareti attrezzate

Un’ottima soluzione quando lo spazio è da sfruttare in modo completo e originale consiste nell’utilizzare delle pareti divisorie per ufficio attrezzate. Non si tratta esclusivamente di strutture divisorie, ma anche di vere e proprie parti della mobilia di un ufficio. Anche in questo caso la personalizzazione è massima, con la possibilità di utilizzare pannelli con armadi, librerie, scaffali o altre tipologie si accessori.

Perché preferirle al cartongesso

Le pareti divisorie rappresentano una soluzione molto più facile da installare e più pratica rispetto ai tradizionali tramezzi in cartongesso. L’installazione è infatti molto più semplice e la singola parete può essere utilizzata mantenendone la mobilità. All’occorrenza è facile modificare la disposizione degli ambienti creati, ampliandone o restringendone uno o più. Questo consente di avere a disposizione una sala conferenze che si può ampliare quando necessario, evitando di lasciare dello spazio libero per l’intera durata dell’attività lavorativa. Oppure di creare nuovi uffici ove necessario, senza dover ampliare lo spazio a disposizione dell’attività.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi