Gli effetti del pesce sui bambini

Che il pesce sia un alimento salutare per gli esseri umani è ben noto. Non lo è il fatto che anche i bambini dovrebbero mangiarne a sufficienza, intendendo per tale frequenza… almeno una volta alla settimana.

In particolare, secondo una ricerca della University of Pennsylvania Schools of Nursing and Medicine, grazie al pesce i bimbi dormono meglio e hanno un  quoziente intellettivo più alto. Ma perché?

Sempre secondo i ricercatori, il merito sarebbe soprattutto degli omega 3, ovvero quegli acidi grassi polinsaturi essenziali che possono effettivamente (come avevano avuto il merito di rilevare altri studi) migliorare il sonno, e che sono peraltro molto importanti anche per lo sviluppo cerebrale.

Dunque, via libera all’inserimento coerente nella propria dieta alimentare di pesci grassi come acciughe, merluzzo, salmone atlantico, tonno, sgombro e altri tipi di pesce azzurro e di piccola taglia, che oltre ai pesci nordici sono in grado di garantirci le più alte concentrazioni di omega 3.

A sua volta, non è un caso che si dica che mangiare pesce fa diventare più intelligenti. Di fatti,  migliorando il sonno, tali alimenti finiscono con l’influenzare positivamente lo sviluppo dell’intelligenza, in particolare nella capacità di ragionamento.

Per scoprirlo, i ricercatori hanno coinvolto 541 bimbi tra i 9 e gli 11 anni in Cina, scoprendo che quelli che mangiano abitualmente pesce hanno QI più alti di 4,8 punti rispetto a quelli che lo consumano raramente o mai.

Oltre a ciò c’è un altro dato di particolare interesse: la ricerca afferma infatti che vi sarebbe anche una correlazione con la quantità, considerato che chi mangia pesce, ma di meno, ha ottenuto punteggi superiori a chi non lo mangia ma inferiori ai picchi di chi lo consuma abitualmente.

Concludiamo infine rammentando che un’altra ricerca della University of Pittsburgh School of Medicine ha dimostrato una connessione positiva tra il consumo abituale di pesce al forno o alla griglia (ma non fritto), e la maggiore capacità di memoria.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi