Come sviluppare un piano d’azione per raggiungere gli obiettivi SMART

9 financial-2860753_1920Fare degli obiettivi SMART ben formulati è il primo passo per sviluppare la propria professionalità e responsabilità personale. Tuttavia, il migliore degli obiettivi non ha senso se non si agisce su di essi. Quindi, il secondo passo per sviluppare la tua responsabilità personale non può che essere quello di sviluppare un piano d’azione per i tuoi obiettivi SMART.

Puoi sviluppare un piano d’azione in cinque passi:

1) sviluppare un obiettivo chiaro – in altre parole, sviluppare un obiettivo SMART

2) rimuovere gli ostacoli che sai che potrebbero ostacolare la tua capacità di raggiungere l’obiettivo

3) identificare e determinare come lavorare intorno ai fattori limitanti

4) dividere il tuo obiettivo in componenti più piccoli e gestibili, e

5) pianificare azioni per ogni componente in modo da poterli affrontare sistematicamente come sotto-obiettivi

Avere un obiettivo SMART che sia chiaro su ciò che si vuole raggiungere aiuta a mettere in prospettiva tutti i passi successivi dello sviluppo di un piano d’azione. Quindi è il punto di partenza per sviluppare qualsiasi piano d’azione.

Un esempio

Supponiamo che una persona, Domenico, voglia avere successo nel suo lavoro, ma non sappia dire esattamente cosa vuole ottenere. Anche se Domenico è molto motivato, è probabile che spenderà le sue energie in modo improduttivo in molte direzioni.

Tuttavia, una volta che ha un obiettivo SMART, può iniziare i passi rimanenti per creare un piano d’azione progettato per garantire il raggiungimento di questo obiettivo.

Il secondo passo per sviluppare un piano d’azione è rimuovere gli ostacoli. Gli ostacoli sono eventi o circostanze che possono impedirti di realizzare il tuo obiettivo SMART, o che ti rendono difficile farlo. Per esempio, supponiamo che il tuo obiettivo sia quello di consegnare i chip per computer finiti a un cliente entro due giorni. Tuttavia, il vostro attuale fornitore è lontano e trasporta solo su camion, non per via aerea. Sarete sfidati a rimuovere questo ostacolo.

Per identificare i vostri ostacoli, puoi porti tre domande:

1) Qual è l’ostacolo principale – o più grande -?

2) Quali sono gli altri possibili ostacoli?

3) Come posso risolvere ciascuno degli ostacoli?

Qual è l’ostacolo principale?

Gli ostacoli possono variare a seconda delle circostanze. Ritardi di tempo, problemi con i fornitori, inesperienza e mancanza di risorse sono tutti esempi di ostacoli che possono minacciare il tuo obiettivo.

Considera Domenico, che vuole chiudere quattro affari importanti entro tre mesi. I suoi ostacoli potrebbero includere la concorrenza di altri dirigenti di vendita o problemi all’interno della sua stessa azienda per consegnare la merce in tempo.

Quali sono gli altri ostacoli?

Dovresti anticipare gli ostacoli in anticipo chiedendoti quali sono quelli che si superano rapidamente e quelli che potrebbero destabilizzare completamente il tuo obiettivo. Poi segnali in una lista.

Quando Domenico fa una lista, si rende conto che uno degli altri ostacoli è che la sua azienda non ha un grande pool di fornitori, quindi non sempre è in grado di offrire ai suoi clienti le migliori offerte sul mercato.

Come posso risolvere gli ostacoli?

Trovare come risolvere gli ostacoli è quasi come creare un mini piano d’azione in sé. Una volta definiti tutti gli ostacoli, si scompone ciascuno in parti più piccole per identificare la causa principale dell’ostacolo.

Per esempio, una volta che Domenico ha identificato l’ostacolo principale come una consegna inaffidabile e in ritardo, fa una serie di domande sulle soluzioni di consegna. Se scopre che le scadenze lassiste sono responsabili dei ritardi di consegna, per esempio, Domenico deve sollevare la questione con la sua azienda in modo da implementare i miglioramenti del processo necessari.

Il terzo passo per sviluppare un piano d’azione è identificare e affrontare i fattori limitanti. Un fattore limitante è una carenza che avete o un vincolo che può rendere più difficile raggiungere il vostro obiettivo. Mentre puoi rimuovere un ostacolo, devi lavorare intorno a un fattore limitante.

Per esempio, se un produttore non può acquisire una certa quantità di materie prime, è necessario un piano d’azione.

Supponiamo che nel caso di Domenico, il servizio che conquisterebbe la società Alfa come nuovo cliente sia il supporto tecnico continuo. Tuttavia, l’azienda di Domenico non ha la capacità di fornire servizi di supporto a lungo termine. Questo è un fattore limitante che Domenico deve aggirare.

Per esempio, potrebbe essere fattibile per la sua azienda esternalizzare, utilizzando un’altra azienda per soddisfare le esigenze di supporto della società Alfa.

Il quarto passo per sviluppare un piano d’azione è dividere il tuo obiettivo principale in sotto-obiettivi gestibili. Per esempio, se l’obiettivo a lungo termine di un middle manager è quello di diventare amministratore delegato entro dieci anni, il manager deve scomporre questo obiettivo in parti più piccole. Tenendo a mente l’obiettivo a lungo termine, il manager potrebbe decidere di fissare i sotto-obiettivi di entrare nell’alta direzione entro cinque anni, migliorare le prestazioni di un reparto entro un anno e implementare nuovi processi entro due mesi.

L’obiettivo SMART di Domenico è di assicurarsi quattro affari importanti in tre mesi. Per raggiungere questo punto, si pone prima il sotto-obiettivo di fare vendite per un valore di 80.000 euro in 90 giorni, con sconti e merce di alta qualità.

Lavorando a ritroso, si rende conto che per raggiungere l’obiettivo di vendita entro i 90 giorni, ha bisogno di acquisire più clienti. Perciò scompone il sotto-obiettivo nelle sue componenti più piccole. Prima ha bisogno di espandere la sua base di clienti entro un mese.

Infine, accetta che dovrà conoscere il suo lancio. Si pone un obiettivo di due settimane per conoscere a fondo il suo prodotto.

La fase finale dello sviluppo di un piano d’azione consiste nell’agire sui sotto-obiettivi che hai creato. Dovresti considerare quali azioni puoi intraprendere per realizzare ogni sotto-obiettivo. Considera per esempio le possibili azioni che Domenico potrebbe intraprendere per realizzare i suoi sotto-obiettivi di fare vendite per 80.000 dollari, espandere i suoi contatti all’interno di un’azienda target e scegliere i prodotti da proporre.

Guarda ciascuno dei sotto-obiettivi di Domenico per sapere quali azioni intende intraprendere per raggiungerli.

Realizzare vendite per 80.000 dollari

Per realizzare vendite di 80.000 dollari, Domenico può intraprendere diverse azioni, tra cui preparare gli obiettivi per le vendite e contattare i clienti per sapere quando possono fissare un incontro.

Espandere i contatti

Per espandere i contatti e negoziare i partner, Domenico può ricercare contatti su un database.

Scegliere i prodotti da proporre

Per scegliere quali prodotti proporre ai potenziali clienti, Domenico deve fare una ricerca di mercato approfondita, esaminare le ultime tecnologie ingegneristiche della sua azienda e determinare quali potrebbero essere gli obiettivi dei suoi clienti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi